Questo sito non utilizza cookie persistenti e raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito o cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più leggi la Privacy policy.

Ti trovi in: Domande frequenti

Domande frequenti

Si usa il laser per l’asportazione dell’ernia?

Non esistono interventi che utilizzano il laser per asportare l’ ernia; taluni propongono una vaporizzazione laser del tessuto erniato senza garantire una effettiva decompressione del nervo.

L’intervento avviene sempre mediante anestesia generale?

No, in alcuni casi e’ possibile eseguire una anestesia parziale mantenendo pienamente cosciente l’ operato.

E’ vero che oggi non si opera piu’ l’ernia del disco lombare?

No, l’ intervento diventa consigliato e spesso indispensabile se le comuni cure non agiscono; la paralisi di un piede o la paresi di una gamba impongono l’ intervento anche in regime di urgenza.

E’ vero che dopo l’intervento non si puo’ piu’ praticare lo sport?

No, non e’ vero; molti sportivi famosi sono stati operati e sono tornati alla loro attivita’. 4 settimane dopo l’ intervento e’ possibile tornare a sciare e a giocare a tennis, dopo 10 giorni e’ possibile nuotare; dopo una settimana si puo’ guidare la macchina.

Serve l’ozono-ossigeno terapia per la cura dell’ ernia del disco?

No, non vi e’ alcuna dimostrazione clinica o scientifica che l’ozono-ossigeno terapia sia in grado di risolvere il conflitto fra l’ ernia e il nervo; il miglioramento dei sintomi e’ legato alla terapia che viene contestualmente assunta con anti-infiammatori.

E’ vero che l’ intervento per ernia del disco e’ rischioso?

L’intervento di asportazione dell’ ernia del disco eseguita da una equipe esperta di Neurochirurghi che utilizzano il microscopio operatorio e’ assai poco pericoloso contrariamente a tutto quello che si sente dire. Importante e’ la corretta indicazione.